Finale imprevedibile

Come si fa la recensione di un thriller come “Il maestro delle ombre” senza rischiare di dire quel che non va detto?
Molto bello … giudizio banale.
Da notte insonne … già scritto sul Corriere della Sera.
Ritmo incalzante, tutto accade in una notte … ricetta essenziale di un buon thriller.
Ambientazione in una Roma affascinante e inquietante avvolta nel buio artificiale del black-out… tutti i thriller si raccontano al buio!
Orrore, rabbia, violenza, mistero, inquietudine, passione: tutto ben distribuito … ma chi conosce Donato Carrisi lo sa già.
Quindi cosa posso dire?
Per comprendere bisogna arrivare alla fine, seguire i personaggi, entrare nella loro mente e nel loro destino.
Buona lettura!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...