Fuori piove, dentro pure, passo a prenderti?

Eccomi con il libro di marzo, Fuori piove, dentro pure, passo a prenderti? di Antonio Dikele Distefano, consigliatomi da Francesco Gungui durante il nostro ultimo incontro a scuola. Di solito scrivo una recensione quando il romanzo mi è piaciuto per condividere le mie impressioni e magari consigliare una lettura piacevole. Questo libro lo è.

Scorrevole e originale, parla di amicizia e amore con la semplicità del giovane autore, nero ma italianissimo tanto che quando si sente dire “Torna al tuo paese” pensa di rimando “Ci sono già”. Parla di razzismo senza rancore né frasi fatte, parla di colori, il bianco e il nero: Linda, il suo amore “bianco”, non potrebbe chiamarsi diversamente! Linda, dolce e coraggiosa, con le sue frasi filosofiche, la voglia di cambiare il mondo, la capacità di guardare oltre le differenze di colore. Parla del suo amico per la pelle (!) e parla di dolore, quello più profondo e incomprensibile perché ingiusto. Parla di una mamma saggia come sanno esserlo solo le mamme, parla di un papà fiero delle proprie radici.

Il tutto accompagnato da una colonna sonora che commenta e completa la storia per farci capire che “… il miglior rifugio dalla pioggia non è un tetto o un ombrello, ma l’abbraccio di qualcuno”. (pag. 183)

Il romanzo è l’opera prima del giovane Antonio, protagonista della storia dalla faccia simpaticissima!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...